Salta al contenuto principale

La Storia

IL LICEO MONTINI IERI E OGGI

 

Il liceo Montini nasce per opera di don Carlo Calori alla fine degli anni 70 in una realtà periferica di Milano, con lo scopo di offrire una proposta educativa cattolica e di qualità.

 

La prima intuizione decisiva è la dimensione cattolica dell’educazione: don Carlo ha voluto una scuola che fosse dichiaratamente cattolica, intendendo con questa espressione tanto i contenuti dell’insegnamento, quanto il metodo dello stesso: l’attenzione alla persona, seguita ed accompagnata con un amore attento e preveniente. Una scuola che fa della visione cristiana della vita e della storia, il criterio di giudizio e il paradigma di ogni insegnamento.

 

La seconda intuizione. Don Carlo ha sempre visto come una profonda ingiustizia sociale il fatto che solo i ricchi avessero la possibilità di accedere a livelli qualitativamente superiori di istruzione e potessero avere un’educazione cattolica solo in quanto “benestanti”. Per lui non sarebbe stata pensabile una scuola cattolica che non fosse, al tempo stesso, per tutti. E non a parole, me nei fatti. Per questo al Montini, da quarantatre anni a questa parte, non esistono le “rette”, ma ogni famiglia contribuisce in maniera libera al mantenimento della scuola secondo le proprie possibilità e secondo coscienza.

 

            La terza intuizione è stata quella che potremmo definire della qualità e della competenza. Per don Carlo la dimensione popolare andava di pari passo con la dimensione di una scuola di qualità e culturalmente elevata. Popolare non ha mai significato, per lui, “di basso livello”. La sua attenzione educativa nei confronti di tutti, non lo ha portato a livellare verso il basso i termini della proposta. Anzi. A tutti i docenti ha sempre richiesto, oltre alla santità individuale, la competenza professionale.

           

Ed oggi? Questi tre pilastri reggono ancora.

Al Montini (che nel corso degli anni è diventato Liceo Classico e Liceo Linguistico) possono accedere tutti, anche chi non può pagare.

La proposta educativa prevede che i ragazzi abbiano momenti formativi e di spiritualità durante l’anno scolastico e nel corso dell’estate svolgano settimane di volontariato in Italia e all’estero. Il tutto dentro la dimensione della libertà del soggetto, mai dell’imposizione.

I docenti cercano di fare in modo che tutti gli studenti possano raggiungere gli obiettivi didattici consoni alle loro capacità, non escludendo anche traguardi di eccellenza per chi può raggiungerli.

 

 

 

 

Mons. Carlo Calori

Il Fondatore

Sacerdote ambrosiano, Monsignore Cappellano di Sua Santità dal 1999 e pubblicista, si è laureato in Giornalismo e Scienze della Comunicazione.
Consultore per la Letteratura dell'Università di Toronto, membro del Senato Accademico dell'Accademia dei 500 di Roma e dell'Unione Mondiale della Cultura, Medaglia d'Oro della Benemerenza della Provincia di Milano, già direttore di «Nuove Prospettive»

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altre informazioni su Mons. Carlo Calori
torna su